Prima o poi tutti ci siamo trovati, o ci troveremo, a dover organizzare un ricevimento. Sia il primo compleanno dei nostri bimbi, una rimpatriata tra amici del liceo, o addirittura qualcosa di più solenne e impegnativo, come un battesimo, una cresima o, perché no, un matrimonio. E diciamocela tutta, quanta ansia solo all’idea. Scegliere la sala, catering si o catering no. Quale catering, poi?! Ma magari si fa tutto in ristorante e non ci si pensa più. Però poi inizia il giro dei preventivi e, uhmm, forse forse cambiamo idea. Ecco, siccome un po’ tutti ci siamo passati e ci passeremo, ho pensato di raccogliere qui un po’ di idee carine, che vi potranno essere di sicuro aiuto se, come faccio sempre io, deciderete di imbarcarvi nell’avventura del ricevimento homemade.

Vi posso assicurare che scegliere di preparare da sé un buffet, è un’esperienza quasi mistica. Nel bel mezzo dei preparativi penserete di poter morire e giurerete che non lo farete mai più. Ma non vi preoccupate, vedere il risultato finale e l’apprezzamento degli ospiti, vi farà dimenticare tutta la fatica, così alla successiva occasione da festeggiare sarete pronte a ricascare nel tranello del buffet homemade. Ehehehh scherzo naturalmente. Ma la fatica, che c’è davvero, si ripaga abbondantemente con un grande risparmio, se rapportato alla varietà che, seguendo i miei consigli, riuscirete ad offrire agli ospiti. Non lo dimenticheranno. E diventerete, davvero, le regine del rinfresco.

La parola d’ordine per la buona riuscita del vostro buffet homemade è solo una: organizzazione. Dovrete studiare in maniera certosina incastri di tempi e di spazi nel congelatore. Sì, impossibile pensare di preparare tutto il giorno prima, uscireste di testa! Quindi, la prima mossa è quella di giocare d’anticipo e stilare un calendario delle cose da fare, dando la priorità a tutto ciò che può essere cucinato, porzionato e surgelato senza difficoltà. Quindi via libera a torte salate, plumcake salati, pizzette, che andranno tolti dal freezer circa 24 ore prima dell’evento, con un margine dato dal caldo o dal freddo del periodo. Quindi, ragionare sul preparare poco per volta e surgelare. Utilizzare stampi comodi, magari usa e getta, che possano fare dal forno al freezer senza problemi. Mi raccomando porzionate sempre tutto prima di surgelare. Avrete una cosa in meno da fare il giorno dell’evento.

Se volete qualcosa di ancora più scenografico, preparate le monoporzioni, e in questo i muffin salati sono perfetti! Sappiate poi che il vostro menu non prevederà solo torte salate, pizzette e focacce. Il polpettone, ad esempio, è perfetto per i buffet. Farcito in tanti modi diversi, tagliato a fette, farà gola a grandi e piccini. E lo stesso vale per le polpettine fritte di carne o verdure, e per i mini burger. Anche questi tranquillamente surgelabili con anticipo.

Le cose che, invece, andranno preparate all’ultimo momento sono quelle a base di creme e mousse. Assai scenografici e poco impegnativi, i bignè salati. L’ideale è preparare le mousse il pomeriggio prima e tenere in frigo. Se decidete di farcire dei vol au vent oppure dei bignè, sarà bene farlo il più tardi possibile, poiché temono l’umidità. Tra le mie preferite, la mousse di formaggio Philadelphia e tonno, e la mousse alla mortadella e arachidi.

Un ultimo, fondamentale, accorgimento: non impazzite alla ricerca della ricetta all’ultimo grido super complicata che avete visto su quella rivista, e che ha una lista di ingredienti che manco un papiro egizio. Affidatevi a ricette semplici, dai passaggi noti e, possibilmente optate per ricette base altamente personalizzabili. Ora vi darò qualche suggerimento pratico. Si tratta di ricette semplici, collaudate e altamente personalizzabili. Così, raddoppiando o triplicando le dosi, e con un po’ di fantasia, otterrete tantissimi sfizi golosi.

  • Partiamo dal re dei miei buffet. Il plumcake salato, nella sua versione base si presta ad infinite variazioni. Lo potete cuocere negli stampi da muffin, nello stampo da ciambellone o plumcake, oppure in uno stampo rettangolare e poi tagliare a cubetti. Trovate la ricetta base qui, l’ho adoperata per realizzare un gustosissimo ciambellone ricco di sapori: olive nere, feta, pancetta e pomodori secchi. Oppure, vi propongo altre tre golose varianti: asparagi e brie, rape rosse e gorgonzola, prosciutto cotto e zucchine e carote. Cotti in teglia rettangolare e tagliati a cubetti, sono perfetti per arricchire anche l’aperitivo.
Plumcake salato tri-gusto: da sinistra asparagi e brie, rape rosse e gorgonzola, prosciutto carote e zucchine.
  • Un altro grande classico è la mia pizza alta in ciotola, super veloce e che non richiede impasto, grazie al trucco della ciotola. Io la cucino nella leccarda del forno, condita in mille e più modi, e poi la taglio a cubetti. Va letteralmente a ruba. La potete fare rossa, come una classica margherita, oppure bianca e sbizzarrirvi  con gli ingredienti. La versione bianca è più simile a una focaccia. Io la adoro coi fiori di zucca e la provola affumicata, con la salsiccia e le patate arrosto, con le zucchine e lo stracchino.
Pizza alta in ciotola con stracchino, zucchine e provola affumicata
  • Per gli amici carnivori, altro asso nella manica è il polpettone ripieno. Potrete sbizzarrirvi con wurstel e carote, uovo sodo, spinaci e frittata, mortadella o prosciutto crudo. Una volta cotto, affettate e surgelate. Potrete tirare fuori la sera prima e sistemare nei vassoi una volta scongelato.
Polpettone ripieno al cartoccio
  • Se tra i vostri invitati sono presenti degli amici vegetariani o vegani, potrete stupirli con degli ottimi mini burger di melanzane, funghi e cacao. Resteranno estasiati dalla novità, e si realizzano davvero in tempo zero.
Burger melanzane, funghi e cacao
  • Se poi volete osare con dei bicchierini, vi propongo una ottima alternativa allo spagnolo gazpacho: la mia crema fredda di peperoni, paprika e menta. Potrete servirla in piccoli bicchierini, accompagnata da mini crostini di pane. Il successo è assicurato.
crema fredda di peperoni, paprika e menta
  • L’ultima idea che voglio lasciarvi, è quella della torta veg ai ceci, patate e pomodori. Vi consiglio di non cuocerla nello stampo da crostata, sarebbe scomoda da porzionare. E’ invece perfetta per delle monoporzioni cotte negli stampi per i muffin o per le tartellette
Crostata veg ceci, patate, pomodori

Con queste ricettine e coi suggerimenti dati, potrete tranquillamente allestire un buffet ricchissimo, anche per 50-60 persone. Considerate che, se proporrete almeno una decina diversa di pietanze, sarà sufficiente garantire un pezzo a persona di ogni cosa. Non esagerate, altrimenti vi ritroverete tantissimo cibo da redistribuire. E se proprio, come me, avete sempre paura di lasciare gli ospiti a stomaco vuoto, preparate una bella insalata di fregola fresca. Calcolate 30 grammi di pasta per ogni invitato, e ne avrete in grande abbondanza. Questa bellissima fregola con pomodorini freschi, olive nere, tonno, sedano e bottarga è opera del mio caro cognato, e ce la siamo gustata al primo compleanno del mio bimbo. Inutile dire che ho preparato tanti vassoietti da distribuire a parenti e amici.

Insalata di fregola estiva

Non mi resta che augurarvi buon divertimento col vostro prossimo allestimento. E se avete qualche dubbio o curiosità, non esitate a chiedere nei commenti.

Diffondiamo la passione per il cibo…. una ricetta alla volta, anche coi buffet 😉